Salvatore Loffredo

Sacerdote e storico

Nacque il 3 aprile 1914. Sacerdote dell’Ordine dei Missionari dei Sacri Cuori, fu Rettore della casa di Secondigliano, Direttore dell’Archivio Storico Diocesano di Napoli.
Ricercatore instancabile, ha dato un notevole contributo alla conoscenza della storia di Torre attraverso documenti.
Fra le sue pubblicazioni: “Turris Octavae, alias del Greco”, che costituisce una miniera di notizie inedite ricavate da pagine nascoste e dimenticate di volumi dell’archivio napoletano, con un lavoro prezioso, di notevole sforzo e pazienza, pubblicato nel 1983; “Formazione intellettuale e Magistero del Beato Vincenzo Romano” nel volume “L’Impegno pastorale del B. Vincenzo Romano nel suo contesto storico”, del 1984; “I Cappuccini a Torre del Greco”, monografia storica dottamente documentata, del 1985; “I Verzella, una famiglia di artisti”, storia di scultori in legno napoletani, del 1987; “Chi fuor li maggior tuoi?”, ricostruzione genealogica della famiglia del Beato Romano, del 1988; “L’imparziale carità del Beato Vincenzo Romano”, controversia tra il clero collegiale torrese per la sistemazione del coro nella parrocchiale, del 1989. Ha curato, inoltre la pubblicazione del libro, “Una famiglia di pescatori di corallo” scritta dal suo bisnonno , Pietro Loffredo, ardimentoso uomo di ciurma, capitano e padrone di una corallina, creatore dell’ “ingegno” per la pesca del corallo, morto nel 1884.
Don Salvatore morì il 5 giugno 1989.

Ciro Di Cristo
Guida storico – artistica
di Torre del Greco
Edizione, aggiornata al 2008