Vincenzo Grillo

Sacerdote ed educatore

Nato nel 1886, fu sacerdote dal 1910, ma soprattutto un educatore di tre generazioni di studenti.
In 42 anni di vita trascorsi nelle scuole pubbliche, dei quali 34 come preside, alternò l’insegnamento alla direzione, ponendosi sempre nel cuore il problema dell’educazione.
Laureato in Lettere e Filosofia, in Giurisprudenza, diplomato abilitante all’insegnamento della lingua francese all’Università di Napoli.
Dal 1917 fu professore di Lettere nella Scuola Tecnica Pareggiata “Diego Colamarino” alla Castelluccia che trasformò prima in Complementare e poi in Avviamento Professionale a Tipo Commerciale. Per incarico del Ministero della P. I. fondò l’Istituto Tecnico “E. Pantaleo” del quale fu primo preside dal 1953, prodigandosi per dargli una sede ampia qual è quella attuale di via Cimaglia.
Collocato a riposo per limiti di età, ebbe 1957 dall’Amministrazione Comunale di Portici la presidenza del locale Liceo Scientifico “Silvestri” che, parificato, con lui diventò statale.
Commendatore al Merito della Repubblica, Premio della Cultura dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, scrittore, poeta, giornalista, collaborò ai giornali e riviste anche a carattere nazionale, ha pubblicazioni scolastiche e letterarie.
Cultore di studi umanistici, presentò per la prima volta in Italia, nella Collana di Studi Umanistici diretta dal prof. Toffanin, le prime Versioni dal latino dei due dialoghi del Pontano “Antonius” ed “Aegidius”, nonché il “De voluptate” (Il Piacere) e il “De libero arbitrio” (Il libero arbitrio) di Lorenzo Valla.
Morì il 21 marzo 1981. Una lapide lo ricorda nell’Istituto “Pantaleo”.

Ciro Di Cristo
Guida storico – artistica
di Torre del Greco
Edizione, aggiornata al 2008